#PonterossoJeans al Cavò

Venerdì 29 novembre 2019 alle 19 al Cavò di via San Rocco 1, la performance #PonterossoJeans di Franacesca Bergamasco ci riporterà alla Trieste del 1979 quando anche Cavana veniva lambita dall'onda "blue jeans" .

Dimmi, graziosa Luna

Venerdì 26 luglio 2019 alle ore 20 e alle ore 22 un viaggo verso la Luna con le parole di scrittori, poeti e giornalisti. Con Alessandro Mezzena Lona e Lorenzo Zuffi. Ingresso libero, prenotazioni: eventi@cizerouno.it

Mūn: la luna al Cavò

Sabato 20 luglio 2019 alle 22.17 si celebrano i 50 anni dallo sbarco dell'uomo sulla Luna con una performance del duo Ninka prodotta per celebrare i miti e le suggestioni della "Madre Eterna".

Transitions a Trieste

Dal 6 al 29 giugno 2019 videoarte al Cavò per riflettere sulle identità, il corpo, gli ormoni e la scienza. Undici opere di artisti e collettivi per Transitions, ormoni tra arte e scienza, l'evento inaugurale della settima edizione del nostro festival.

Gli artisti di Transitions

Le opere video presentate a "Transitions" il progetto curato da Chiara Beccalossi per il Cavò di Trieste dal 6 al 29 giugno 2019.

Manlio Malabotta a Pola

Dal 31 maggio al 30 giugno 2019 alla Galerija Makina a Pola le immagini che Manlio Malabotta ha realizzato in Istria tra gli anni '30 e '40.

«Gli sloveni di confine sono gli sloveni italiani che vivono sul confine. Questo sono io: un uomo di confine! Il confine è una cosa che non possiamo attraversare. Oppure sì. Il confine è un muro, un filo spinato. (Ma fammi il piacere, Slovenia). Il confine è sociale, è nelle nostre teste. Ecco dove nascono gli stereotipi».

Leo Černic, dal film Zamejen / Confinato, 2017

«Viviamo per caso? La vita serve a qualcosa? (…) A me sembra che è bene utilizzare questa occasioncella di vita per qualcosa anche di minimo, minimissimo, che ognuno può fare per cambiare le storture del mondo, della società, dei pregiudizi che danneggiano l’umanità e la pongono in pericolo».

Laura Weiss

«Noi amiamo ritornare qui alla frontiera. Perché è alla frontiera che si capiscono le differenze, è sempre ai bordi che percepisci le sfumature e comprendi che non è tutto o bianco o nero».

Porpora Marcasciano, 2018

«Quello che volevo era semplicemente varcare una frontiera, quale che fosse: non mi premevano lo scopo, il traguardo, la meta, ma il mistico e trascendentale atto in sé di varcare una frontiera».

Ryszard Kapuściński, In viaggio con Erodoto

Previous

Next

Homepage

Aprirsi ad altre identità, seguire percorsi diversi, accogliere le incursioni del nuovo. Varcare la frontiera, festival multidisciplinare, a Trieste e oltre.