Edizione 2018/2019

  • Varcare la frontiera al Trieste Film Festival

    Un programma per il Trieste Film Festival che rinsalda collaborazioni e percorsi comuni e lancia nuove incursioni culturali e creative con la volontà di riflettere e andare oltre alle chiusure del presente, con la consapevolezza che, oggi più che mai, sia necessario #VarcareLaFrontiera.

  • How far now?

    Dal 19 gennaio al 22 febbraio 2019 il Cavò ospita How far now?
    La mostra documenta il progetto di fotografia partecipativa ideato da Ilaria Crosta e  Niccolò Hébel per Cizerouno. Farhan Shabbir, Obaidul Haqk, Ali Zahid e Rekan Zrar Sedeeq hanno realizzato a dicembre 2018 le immagini esposte in mostra. Ciascuno dei quattro ragazzi richiedenti asilo aveva a disposizione una macchina fotografica usa e getta con 39 scatti per raccontare la “propria” città.

  • #TriestePlurale: Omaggio a Patrizia Vascotto

    Lunedì 21 gennaio alle 17 un incontro a più voci per ricordare Patrizia Vascotto intellettuale colta, coraggiosa e di generosa intelligenza, scomparsa nel 2018. Il #TriestePlurale citato nel titolo è solo una delle innumerevoli iniziative che ha visto Patrizia protagonista nel creare reti e connessioni tra le culture – antiche e nuove – di Trieste.

  • Piccolo lessico della diversità

    L’altro, L’altrove, Viaggio e Racconto, Confini/Frontiere, Curiosità e Spaesamento, Scienza/Conoscenza sono alcuni dei capitoli di “Piccolo lessico della diversità”, un preziono «manuale per lo smontaggio di alcuni luoghi comuni» edito dalla Fondazione Benetton Studi e Ricerche, che presenteremo martedì 22 gennaio alle ore 18 al Caffè San Marco di Trieste.

  • Porpora Marcasciano: generazione transgender

    Mercoledì 23 gennaio alle ore 18 al Caffè San Marco l’incontro “favoloso” con Porpora Marcasciano, autrice di “L’aurora delle trans cattive. Storie, sguardi e vissuti della mia generazione transgender”. L’incontro, realizzato in collaborazione con il M.I.T. di Bologna e il circolo Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia Onlus, è uno degli eventi che dedichiamo alle identità di genere.

  • Migrazioni di genere

    Giovedì 24 gennaio alle ore 17 al Ridottino del Teatro Miela a Trieste un incontro sulle “migrazioni di genere” ovvero chi richiede asilo in Italia per motivi legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Sarà l’occasione per conoscere i progetti e le esperienze realizzati dal M.I.T. di Bologna ma anche le “buone pratiche” che sta portando avanti il circolo Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia Onlus. All’incontro partecipano Mario Di Martino e Antonella Nicosia.

  • Mitteleuropa

    Dal 23 novembre al 20 dicembre 2018 il Cavò ospita Mitteleuropa: un progetto multidisciplinare ideato da Studio Iknoki per Cizerouno. Un allestimento pensato per trasformare lo spazio di via San Rocco in un gift shop che racconti con gli strumenti del contemporaneo il “mito asburgico”.
    Per l’occasione debutta una nuova collaborazione tra Cavò e Studiocinque e altro che presenta i Gioielli dell’Impero: una serie di accessori a tiratura limitata ispirata a Sissi e Francesco Giuseppe.

  • Edvard Stepančič a Bruxelles

    Edvard Stepančič, triestino di lingua slovena, una figura dal profilo europeo che attende ancora di essere adeguatamente studiata e valorizzata.
    Artista appartato, ma sempre attento a recepire le più aggiornate ricerche internazionali, Edvard Stepančič si muove nei suoi anni di formazione, negli anni Venti, tra Trieste, Lubiana, Monza, Praga, Parigi, per poi spostarsi definitivamente, dal 1931 fino alla morte, a Belgrado nel 1991. A 110 anni dalla sua nascita lo ricordiamo con una mostra a Bruxelles, dal 17 ottobre 2018.

  • Omaggio a Omero Antonutti

    Omero Antonutti protagonista di una serata-omaggio il 24 ottobre 2018 all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. L’attore converserà con il critico Lorenzo Codelli, a partire da libro che Guido Botteri ha dedicato alla vita e alla carriera dell’interprete di “Padre padrone”.

  • Varcare la frontiera, nemo propheta in patria

    «Nemo propheta in patria» è il sottotitolo di Varcare la frontiera #6. Nononstante tutto continueremo a viaggiare, scoprire, conoscere, creare ponti e relazioni, far riflettere, connettere patrimoni culturali. Tra Trieste, Vienna e Bruxelles con piccole incursioni in Spagna, Croazia e Slovenia, tra il 2018 e il 2019 continuate a #varcarelafrontiera con noi, con passione e intelligenza come avete fatto in questi anni!